INCONTRI n°8

DCF 1.0 Finiture sempre più automatizzate
Sonia Maritan

Parliamo delle novità con Raul Pellegrini ‒ nel dinamico stand di Finiture a Xylexpo ‒, che si occupa del mercato dell’Est Europa. La novità più importante è costituita dal sistema di carico e scarico automatico dei pezzi del trasportatore aereo, che garantisce una gestione integrata di tutti i processi del lay out produttivo rendendo automatico anche questo step della verniciatura. Interessanti anche i restyling dei prodotti Finiture che rivelano un’anima innovativa sempre all’opera.

A Raul Pellegrini, responsabile commerciale del mercato per l’Est Europa, chiediamo di raccontarci le novità presentate da Finiture a Xylexpo.
«La novità più importante è costituita dal sistema di carico e scarico automatico degli elementi sul trasportatore aereo che garantisce una gestione integrata di tutti i processi del lay out produttivo rendendo automatizzato anche questo step della verniciatura. Per i pezzi processati nella linea, la procedura consiste nel caricare le barre sul carrello, con qualunque tipo di elemento che poi sarà verniciato, all’esterno dell’impianto di verniciatura. Una volta caricato il carrello viene inserito all’interno della linea e in automatico il sistema preleva le barre con gli elementi appesi da verniciare, qualunque sia la forma, li processa e una volta completato il ciclo ripone le barre nel carrello che l’operatore manualmente porta via, ed eventualmente sostituisce con un altro pronto a essere caricato automaticamente sul trasportatore aereo».

Qual è il vantaggio?
«Il vantaggio del carico e scarico automatico degli elementi sul trasportatore aereo è che possiamo gestire la linea indipendentemente da quelli che sono gli altri processi di lavorazione: spazzolatura, assemblaggio etc; quindi si tratta semplicemente di alimentare i carrelli man mano che la linea ha compiuto i relativi cicli programmati per gli elementi di ogni barra, perché i processi sono svincolati e questo permette di rendere molto più automatico tutto il processo di verniciatura. Naturalmente è la barra che viene prelevata, qualsiasi cosa ci sia appesa: porte, telai di finestre, balconi, elementi di sedie smontate; di cui lo scanner rileva forma e dimensione e in base al programma che è stato caricato, e invia l’input che consente l’applicazione della vernice su di essi».

Alcuni scatti dello stand di Finiture durante Xylexpo a Milano dove l’azienda ha presentato Up & Down, il Proflow e la rotaia Power & Free.

Facciamo un breve cenno ai restyling.
«Tutti i nostri prodotti periodicamente vengono sottoposti a dei restyling che migliorano ulteriormente le loro prestazioni. A RAS sono stati apportati alcuni nuovi accorgimenti tecnici. Grazie all’innovativo software WINPAINT i robot Ras verniciano perfettamente tutti i tipi di serramento interni ed esterni con notevoli risparmi di tempo. L’altra novità, è il sistema di rotaia POWER and FREE di ultima generazione che permette una gestione indipendente di ogni singola barra, che garantisce per un impianto molto complesso in cui possono esserci elementi che hanno bisogno di cicli diversi di verniciatura o differenti processi di applicazione un tragitto indipendente per ogni barra. Quindi secondo i lotti una serie di barre prendono una diversa direzione sul percorso della rotaia rispetto a un’altra serie appartenente a un altro lotto. Inoltre nei serbatoi dei flow coating SuperJet, i Tank, abbiamo ridotto leggermente la quantità di vernice contenuta in ogni serbatoio ma aumentato la capacità del depuratore. Infine c’è il PROFLOW, un nuovo modello di impregnatrice, una macchina che effettua l’impregnazione orizzontale dei profili e che ha una fotocellula posta in entrata che la mette in funzione limitatamente al tempo necessario per un tempo fissato da un timer, ottenendo così un notevole risparmio energetico e un minor stress del prodotto impregnante. È dotato inoltre della gestione automatica del cambio colore e del lavaggio».

Terminiamo con un flash sul mercato dell’Est Europa.
«La situazione dei mercati dell’est Europa è complessa a causa del contesto geo-politico, molto variabile, come dimostra il rapporto fra Russia e Ucraina o gli attuali disordini all’interno della Turchia. A questo si aggiunge il problema di un euro molto forte. Il vantaggio in compenso lo riscontro nel marchio che rappresento, infatti, Finiture è ormai riconosciuta a livello internazionale come produttore di impianti di verniciatura “su misura” con un ottimo rapporto qualità-prezzo».